La radio, prima di essere libera

(parte #1)
articolo1
Manifesto propagandistico dell’E.I.A.R.

A differenza degli altri paesi europei e degli Stati Uniti, in Italia, la radiofonia inizialmente fu vista come un mezzo a uso esclusivamente militare, per cui essa stentò ad affermarsi in ambito civile. Lo stesso Marconi tentò di avere la licenza per un servizio radiofonico che malgrado la sua autorità, gli fu rifiutato.

In Italia, la prima trasmissione radiofonica si fa risalire al 1924, durante il regime fascista ad opera dell’URI – Unione Radiofonica Italiana, unico ente autorizzato a trasmettere via etere e prima società italiana di broadcasting, che ebbe dallo stato l’esclusiva per sei anni del servizio di radioaudizioni su tutto il territorio nazionale, con emittenti che furono installate a Roma, Milano, Napoli e Palermo.

Di seguito l’URI realizzò una vera e propria Leggi tutto “La radio, prima di essere libera”